istpaoloLa Congregazione è stata fondata nel 1535 a Milano da S. Antonio Maria Zaccaria e da Ludovica Torelli, contessa di Guastalla. Sorte come Congregazione di vita attiva per la rinnovazione del fervore cristiano, le Angeliche, in seguito alle decisioni del Concilio di Trento, dovettero accettare la Clausura, tuttavia seppero unire l’impegno di una forte vita interiore incentrata nel crocifisso e nell’Eucarestia, all’educazione delle giovani accolte nei loro monasteri. 
Nel 1810 subirono la sorte degli ordini religiosi soppressi per decreto napoleonico, finché nel 1879 ad opera del barnabita P. Pio Mauri risorsero, sempre di vita claustrale e con la medesima attività educativa. 
Nel 1926 ritornarono alla vita attiva, secondo lo spirito del fondatore. Attualmente le religiose operano sia in Italia che all’estero nelle scuole, nell’assistenza sociale, nelle missioni, nella pastorale parrocchiale.
Stampa

Circolare 19

 gesu“ Prendete il mio giogo sopra di voi

e imparate da me, che sono mite ed

 umile di cuore, e troverete ristoro per

 le Vostre anime”

                                                                                  (Mt. 11,26,30)

Consorelle carissime,

                        viviamo insieme questo mese“nel cuore di Cristo” riscoprendo sempre più e meglio che all’inizio di tutto c’è un Dio che da sempre ci ama e ci dona il suo amore gratuitamente ed in misura uguale per tutti.

Stampa

Circolare 8

 

Allora ritornarono a Gerusalemme…

  erano perseveranti e concordi nella preghiera,

  insieme ad alcune donne e a Maria,

  la Madre di Gesù…”

                                    ( Atti 1, 12.14)                                               

 Carissime Consorelle  ,

            il periodo pasquale che si va concludendo e l’inizio del mese di maggio mi sembrano due occasioni per “scriverci” e riflettere sul significato che esse hanno per la nostra vita.

Stampa

Circolare 17

anno fedeEgli portò i nostri peccati sul

suo corpo, sul legno della croce,

 perché non vivendo più per il peccato,

 vivessimo per la giustizia.

 Dalle sue piaghe siamo stati guariti.

                                                                          (1 Pt 2, 23-24)        

 Carissime Consorelle,

                        vi giunga il mio più caro augurio per questi giorni della Settimana Santa. Accompagniamo Gesù che, volontariamente, dona la sua vita per tutti noi.

Stampa

Circolare 7

              “Prima della festa di Pasqua,

Gesù,conoscendola sua ora,

amò i suoi fino alla fine”

 (Gv 13,1)

 

Carissime Consorelle,

                       vi scrivo in occasione della prossima Domenica delle Palme per farmi sentire vicina a ciascuna di voi in questa Pasqua del Signore 2012.