Stampa

Circolare 4

  “Diede alla luce il suo figlio primogenito,
lo avvolse in fasce
e lo depose in una mangiatoia
perché non c’era posto
per loro nell’albergo”

(Lc 2,7)

        
Carissime Consorelle,

            invio, con grande affetto, questa circolare anche, e soprattutto, per porgervi i miei auguri più cari per il Santo Natale : sia un Natale che ci renda tutte più consapevoli, più unite, più responsabili nell’affrontare e contribuire alla povertà del mondo pensando a Cristo che “da ricco che era, si è fatto povero perché noi diventassimo ricchi per mezzo della sua povertà” (cfr 2 Cor 8,9).

            Le Delibere 2011 a proposito di povertà ci invitano a:

-          1,2 d : Non disporre delle cose e del denaro senza permesso e rendere conto di esso puntualmente

-          1,2 e : Non tenere per sé ciò che viene dato o regalato

-          1,2 f : Nelle spese distinguere il necessario dal superfluo

 

Desidero con voi soffermarmi a considerare quest’ultimo punto.

Il Santo Padre, i Vescovi la televisione, i giornali non fanno altro che richiamare tutti ad uno stile di vita “più sobrio”, il superfluo è diventato un lusso che nessuno può concedersi se non andando ancora una volta ad impoverire i più poveri.

            Spero che tutte seguiamo l’evolversi della “crisi economica” ormai a livello mondiale, crisi che è soprattutto mancanza di senso , di valori e quindi di Dio.

            Allora, cos’è veramente necessario e cos’è superfluo?..Giuseppe e Maria nel dare al mondo Gesù non avevano neppure il necessario…eppure..che gioia in cielo ed in terra !

Nel Vangelo pochi versetti fissano la nascita di Gesù. La sobrietà, la concisione estrema di quelle poche frasi rispecchiano la scelta di Dio : si fa uomo, anzi bambino, lontano dai palazzi del potere, tra i poveri, con la liturgia umile di ogni figlio d’uomo che nasce e dipende dagli altri.

            Riconoscere il “solo necessario” diventa nella magia del Natale evidente a tutti : il solo necessario è Gesù. Tante volte diamo per scontato saper distinguere il necessario dal superfluo, ma solo una continua educazione interiore ci consente di guardare alla realtà privilegiando ciò che veramente conta. Così il battesimo di Giovanni “è legato a un ardente invito a un nuovo modo di pensare ed agire” (Benedetto XVI-4.12.2011).

E allora, ripercorrendo insieme la notte di Betlemme, ecco i miei auguri natalizi:

 

Gesù che nasce per amore vi conceda di inventarvi una vita carica di donazione, di preghiera, di silenzio.

Il Bambino che dorme sulla paglia, vi dia il senso dell’ospitalità e dell’accoglienza di chi è più povero.

 

Maria, vi ricordi che dobbiamo servire la vita, vi dia la gioia della festa con oggetti semplici e necessari.

 

Giuseppe che ha bussato alle porte delle case e degli alberghi sentendosi respinto, faccia che il vostro cuore si apra ad accogliere tutti, soprattutto quelli che non ci amano.

 

Gli angeli che annunciano pace non vi facciano mai “sentire in pace” per aver dato tutto o troppo.

 

I poveri che accorrono alla grotta vi aiutino ad apprezzare l’indispensabile: ciò che troviamo sulle nostre tavole( magari un po’ salato e cotto male), la luce del sole e delle nostre case, l’acqua che beviamo od usiamo per mille cose, ricordandoci che molti popoli non ne hanno neppure una goccia, il vestito che indossiamo anche se rammendato e forse un po’ liso, la casa che abitiamo e non abbiamo la preoccupazione di pagare l’affitto, il lavoro che molti non hanno più, il nostro vecchio cellulare che ci serve poco o niente, la nostra unica televisione che funziona ancora così bene e..mille altre cose ancora..

 

I pastori che vegliano nella notte facendo la guardia al loro gregge e scrutavano l’aurora, vi diano la gioia dell’attesa, la speranza di un Dio che viene sempre e vi ispirino il desiderio profondo di vivere povere che poi è l’unico modo per morire ricche.

 

AUGURI !

sia per tutte un Natale di gioia e soprattutto di speranza, in Cristo Gesù, nostro Salvatore.

                                               Vostra aff.ma

 

                                                                                   

                                                                                              ___________ ________________

                                                                                                     Madre Ivana M. Raitano

                                                                                                          Superiora Generale

 

Roma,13 dicembre 2011

UN PO’ Di notizie…

 

  1. Per il 3      e 4 gennaio 2012 ricordo alle scuole interessate e alle Religiose      l’incontro a Trani “S.Paolo” per la scuola: arrivo il 2 gennaio, partenza      il 5 gennaio, sempre compatibilmente ai voli e ai treni ( se si rimane più      giorni non fa problema). Importante comunicare a Trani il mezzo d’arrivo e      l’orario per potervi prelevare; per quanto riguarda il soggiorno non è      richiesto nulla.

     Le partecipanti verranno dalle comunità di Arienzo, Curti,   Napoli, Trani “S. Paolo, Prizren, Polonia, Spagna, con una Religiosa; Milano (con più di 300 alunni con due Religiose), Roma “S. Paolo” (con più di 600 alunni con tre Religiose). Presenti L’Economa generale, la Segretaria generale.

Vi ricordo i questionari e qualunque altra proposta da far pervenire a Roma.

  1. Nell’ultima      adunanza del 10 dicembre u.s. Madre Santina Cappellini ha ricevuto le      consegne da Madre Alda Mollaschi la quale rimarrà rappresentante Legale e      continuerà la contabilità fiscale: paghe, contributi, tasse varie. Per      questo la somma richiesta per queste cose in Italia va spedita ancora sul      conto di Milano come sempre.

La contabilità interna (trimestrale e annuale) delle Case va spedita a Torre Gaia all’Economa generale, così come i contributi alla Casa Generalizia e tutte le richieste di manutenzione straordinaria. (Molte Case ancora non hanno spedito il terzo trimestre: in questo momento di passaggio avere una visione chiara è particolarmente importante !). Se qualche casa ha dei depositi o somme bloccate, comprendere nel bilancio anche quelle.

Appena possibile il Consiglio generalizio stabilirà un bilancio preventivo per la Casa generalizia e alcuni criteri per i contributi delle Case, oltre darvi il nuovo IBAN della BPM qui a Roma. Alla vostra generosità il resto !

  1. Sempre      nell’ultima riunione di Consiglio Generalizio, Madre Flor Lomibao ha      rassegnato le dimissioni da Superiora della Comunità di Milano per motivi      personali.
  2. A Milano      sono arrivate nel frattempo Sr. Rorivic Israel e Sr. Adelina Delano che      rimarranno in quella Comunità.

 

 

Roma, 13 dicembre 2011

         Allegato alla 4° Circolare